FAQ

DOMANDE E RISPOSTE FREQUENTI

  • La Romania è un Paese sicuro per aprire la mia società?

    Sì, è sicuro. La Romania è un Paese membro dell’Unione Europea ed appartiene inoltre all’Area SEPA, ovvero la Single Euro Payments Area (Area Unica per i Pagamenti in Euro).

    La Romania non è un Paradiso Fiscale e pertanto non appartiene ad alcuna Black List e conseguentemente, non è in conflitto con gli altri Stati per il suo sistema fiscale.

    La moneta nazionale è il Leu, ma è anche possibile avere un conto corrente bancario in moneta Euro o Dollaro.

  • Qual è la tassazione in Romania per le società di capitale?

    L’imposta sul reddito per le società di capitale sottoposte al regime delle micro-imprese quindi con fatturato annuo inferiore a Euro 1.000.000 è il 3% sul fatturato.
    Questa percentuale può essere abbassata all’1% sul fatturato, nel caso in cui la società abbia assunto un dipendente, cittadino rumeno residente in Romania.

    L’imposta sul reddito per le società di capitale sottoposte al regime delle macro-imprese quindi con fatturato annuo superiore a Euro 1.000.000 è il 16% sull'utile.

  • Una persona non residente in Romania, può costituire una società SRL in Romania?

    Si, un soggetto non residente in Romania può costituire, anche in forma unipersonale, una società SRL in Romania e detenere il 100% del capitale sociale.

  • Perché devo indicare 5 nomi per registrare la ragione sociale della mia società?

    La Romania come anche altri Stati Europei, in particolare dell’Europa dell’est, non consente di avere un nome identico o simile per due aziende, al fine di evitare possibili confusioni e frodi fiscali.

    È pertanto richiesto al cliente di indicare cinque possibili nomi per la propria futura società, al fine di facilitare la ricerca di un nome disponibile presso il Registro Imprese in Romania. Il primo nome disponibile in ordine cronologico tra quelli indicati, sarà oggetto di registrazione.

  • Quale sarà la sede legale della mia società in Romania?

    La società SRL in Romania può avere sede legale presso lo Studio Commercialista che si occupa della tenuta della contabilità per conto della società. Tuttavia qualora l’attività d’impresa esercitata lo necessitasse per legge, sarà necessaria anche una sede operativa in Romania.

  • Se prelievo emolumenti o dividendi dalla mia società, devo pagare altre imposte?

    Le imposte sul reddito sono applicate sempre in base al proprio Paese di residenza.
    In caso di prelievo di emolumenti o dividendi questi saranno assoggettati alla tassazione del proprio Paese di residenza.

  • Posso comprare un’auto o una immobile ed intestarlo alla società rumena?

    Nel caso di acquisto di un'automobile, intestata alla società rumena, questa dovrà essere immatricolata e targata in Romania, ma potrà circolare anche all’estero, senza alcuna limitazione temporale, dal momento che la persona giuridica intestataria è residente in Romania.

    Nel caso di acquisto di un immobile invece, questo è soggetto a tassazione in Italia come se l’acquirente fosse un soggetto privato persona fisica residente in Italia, ad effettuare l’acquisto.

  • Quali documenti sono necessari per aprire una società in Romania?

    Sono necessari due documenti di identità dell’amministratore e degli eventuali soci della società rumena costituente. Ad esempio Carta d'Identità o Passaporto o Patente di Guida.

  • Dove posso aprire il conto corrente bancario della società?

    La banca consigliata da ZeroTasse è UniCredit Bank.
    Non tutte le banche nazionali rumene consentono l’apertura di un conto corrente bancario a società di proprietà di cittadini non residenti in Romania.

    UniCredit Bank è inoltre la banca che presenta più filiali a livello internazionale, consente prelievi gratuiti in tutti gli ATM del mondo delle proprie filiali e ha le commissioni bancarie per i bonifici in entrata e in uscita, più basse tra le banche Rumene.

    Sarà necessario aprire due conti correnti bancari, un conto corrente in valuta Euro per l’attività operativa ed un conto corrente in valuta Leu per il pagamento delle imposte in Romania.

  • È possibile lavorare in Italia con una società italiana e pagare le tasse in Romania?

    Se si esercita una attività d’impresa che non ha una stabile organizzazione identificabile geograficamente, allora è possibile lavorare fatturando ai propri clienti direttamente dalla società rumena. Ad esempio tutte le attività d'impresa che si occupano della vendita di servizi venduti online oppure presso il cliente.

    Se si esercita una attività d’impresa che ha una stabile organizzazione identificabile geograficamente è necessario aprire una società direttamente nel Paese in cui si opera.
    In questo caso è necessario aprire una società S.A.S. o S.R.L. in Italia, rendendola partecipata da una società rumena che non abbia stabile organizzazione in Italia.

    Applicando il regime di trasparenza fiscale alla società italiana S.A.S. o S.R.L., il reddito prodotto sarà tassato, imputando direttamente a ciascun socio in proporzione alla propria quota di proprietà, gli utili o le perdite generate dalla società italiana, a prescindere dall’effettiva percezione degli stessi, da inserire poi in dichiarazione dei redditi.

    La tassazione dei dividendi in uscita dall’Italia, corrisposti a società ed enti non residenti è contenuta nell’articolo 27, comma 3 del DPR n 600/73. La ritenuta è operata a titolo d’imposta, con l’aliquota del 26% sugli utili corrisposti.

    La normativa fiscale però prevede anche in base ai seguenti articoli, la possibilità di pagare le tasse sui dividendi corrisposti, nella misura del 95% o del 100% direttamente nel paese estero, in questo caso la Romania.

    L’art. 27 del D.P.R. 600/1973 il comma 3-ter prevede che per i dividendi corrisposti a soggetti residenti nell’Unione Europea, è applicabile l’esclusione dalla tassazione nella misura del 95% del loro ammontare.

    L’art. 27-bis del D.P.R. 600/1973 prevede che per i dividendi corrisposti a soggetti residenti nell’Unione Europea l’esclusione dalla tassazione nella misura del 100% del loro ammontare nell’ipotesi in cui la società estera:
    1) rivesta una delle forme giuridiche previste nell’allegato alla direttiva 90/435/CEE poi modificata dalla direttiva 2006/98/CE, a seguito dell'entrata nell'Unione Europea della Bulgaria e della Romania;
    2) risieda ai fini fiscali in uno Stato membro dell’Unione Europea;
    3) sia soggetta nello Stato di residenza ad una delle imposte indicate nell’allegato alla predetta direttiva;
    4) detenga una partecipazione minima del 10% del capitale della società residente in Italia, per un periodo ininterrotto di almeno un anno.

    Pertanto secondo la normativa vigente è possibile lavorare in Italia con una S.A.S. o S.R.L. e pagare le tasse in Romania.

    Fonte: https://fiscomania.com/tassazi...

  • Quali tipologie di società è possibile aprire in Romania?

    I principali tipi di società in Romania sono i seguenti:

    • SRL, società a responsabilità limitata (Societate cu raspundere limitata)
    • SA, società per azioni (Societate per actiuni)
    • SNC, società in nome collettivo (Societate in nume colectiv)
    • SCS, società in accomandita semplice (Societate in comandita simpla)
    • SCA, società in accomandita per azioni (Societate in comandita per actiuni)

    Come persone fisiche non residenti in Romania è possibile aprire solo società di capitali in Romania.

    Società Responsabilità Limitata: società con responsabilità limitata alla quota sottoscritta da parte del socio. Può essere costituita anche da un unico socio e deve avere un capitale sociale minimo di 200 RON. L’amministratore può anche essere un socio e non è necessario questo sia residente in Romania.

    Società Per Azioni: società con responsabilità limitata alla quota sottoscritta da parte del socio. Deve essere composta da almeno due soci e il capitale sociale deve essere superiore a 90.000 RON. L’amministratore e gli azionisti non devono necessariamente essere residenti in Romania.

    Per semplicità negli adempimenti burocratici è consigliata l'apertura di una società SRL.

  • Quando emetto fattura devo applicare l'IVA?

    Quando emetti fattura dalla tua società SRL in Romania a qualunque cliente, per la vendita di beni o servizi, devi applicare all'imponibile, l'IVA vigente in Romania.

    L'aliquota IVA ordinaria attualmente vigente, è il 19% che colpisce tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi. Vi sono poi anche due aliquote IVA ridotte pari al 9% e al 5%.

    Quando il cliente acquirente destinatario della fattura è però in possesso di un valido numero di identificazione IVA e iscritto al V.I.E.S. (VAT Information Exchange System), un sistema di scambio di informazioni tra Paesi membri della Comunità Europea, è possibile emettere fattura esente IVA.

  • Posso aprire la mia società in Romania restando fisicamente in Italia?

    Si è possibile aprire la società senza doversi recare in Romania, restando fisicamente in Italia tramite il nostro studio di consulenza a Milano. È necessario l'intervento di un notaio per la stipula di una procura notarile speciale apostillata, a favore del commercialista in Romania, redatta tramite un atto notarile in Italia e poi successivamente oggetto di traduzione giurata.

    Tramite il nostro studio di consulenza è anche possibile aprire il conto corrente bancario della società rumena restando fisicamente in Italia, presentandosi in banca in Italia per l'identificazione dell'amministratore e dei soci della società SRL neocostituita.

  • È obbligatoria l’assunzione di dipendenti?

    No, l’assunzione del personale dipendente è rimessa alla libera valutazione degli amministratori della società SRL.

  • È possibile schermare l’identità dei soci della società SRL in Romania?

    No, non è possibile. La Legge 129/2019 antiriciclaggio in Romania, prevede che il beneficiario ultimo debba dichiarare la propria identità, alla data di costituzione della società e successivamente confermarla ogni anno.

  • Gli amministratori di una società rumena devono pagare i contributi previdenziali?

    Se gli amministratori sono soggetti non residenti in Romania, questi non saranno soggetti al pagamento dei contributi previdenziali in Romania.